Pordenone
stampa

Cinema all’aperto: focus su Pasolini

Due appuntamenti di cinema all'aperto per martedì 18 luglio a Pordenone: nell'arena UAU! focus su Pier Paolo Pasolini con la proiezione di "La Ricotta" nella versione non censurata. A seguire il documentario "Le donne di Pasolini" di Eugenio Cappuccio

Parole chiave: Pasolini (34), cinema all'aperto (4), Cinemazero (91), Pordenone (793), estate (40)
Pasolini sul set del film La Ricotta

Arriva per la prima volta sul grande schermo la versione non censurata de “La ricotta”, martedì 18 luglio alle 21.30 a Pordenone, nell'arena estiva di Cinemazero ai giardini “Francesca Trombino”. La proiezione - un'occasione speciale per vedere l’unica copia sopravvissuta del film, come voluto dal regista, prima della censura – è organizzata in collaborazione con la Cineteca Nazionale – Centro Sperimentale di Cinematografia e con il Centro Studi Pasolini di Casarsa, dove fino al 24 settembre sarà aperta la mostra “La ricotta di Pier Pasolini” nelle fotografie di Paul Ronald, (1924-2015), francese, uno fra i maggiori fotografi di scena del cinema italiano. Alla proiezione de “La ricotta” farà seguito quella del documentario “Le donne di Pasolini”, di Eugenio Cappuccio, narrato da Giuseppe Battiston, un affresco inedito e originale del mondo del grande regista, scrittore, poeta e drammaturgo, ponendo l’attenzione sulle donne più importanti della sua vita: l’amatissima madre Susanna Colussi, Maria Callas, Laura Betti, Oriana Fallaci e Giovanna Bemporad, partendo dai territori friulani in cui è cresciuto e da cui ha tratto ispirazione. Intervengono il regista Eugenio Cappuccio e il produttore, pordenonese, Pasqualino Suppa. L'ingresso è libero.

“La ricotta” è uno degli episodi di “RoGoPaG”, bizzarro titolo del film collettivo, che deriva dalle iniziali dei cognomi dei registi che hanno firmato i diversi racconti: Rossellini, Godard, Pasolini e Gregoretti. Il bellissimo e paradossale episodio diretto da Pasolini mostra il calvario realmente vissuto sul set di un film sulla Passione di Cristo diretto da Orson Welles, da una povera comparsa, Stracci, ultimo degli ultimi, in un film nel film dove si aprono parentesi di feroce polemica contro la borghesia italiana, definita come«la più ignorante d’Europa» e momenti di sospensione onirica come la ‘grande abbuffata’ nella grotta. Welles rappresenta allo stesso tempo un’autocaricatura di Pasolini e il suo controtipo. Il film scatenò uno scandalo, subì un grottesco processo, fu condannato per vilipendio alla religione e Pasolini dovette modificare alcune sequenze. Per la prima volta, a Pordenone, si vedrà la versione originale.

Si ricorda la mostra allestita nel Centro studi Pasolini in collaborazione con collezione Maraldi, Archivio Pasolini/Cineteca di Bologna e Cinemazero di Pordenone, si compone di quaranta immagini – per due terzi inedite, mai stampate in precedenza e presentate per la prima volta – selezionate fra il lascito di 262 negativi, scattate sul set del film. È aperta da martedì a venerdì dalle 15 alle 19, al sabato e nei giorni festivi dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 15 alle 19.

Fonte: Comunicato stampa
Cinema all’aperto: focus su Pasolini
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento