Cultura e Spettacoli
stampa

Pordenone: il 16 al Verdi teatro Jazz con Gli amori sospesi

 Giovedì 16 luglio (ore 21) arriva nella Sala Grande del Teatro Comunale di Pordenone "Amori sospesi", progetto di Gabriele Mirabassi clarinetto, Nando di Modugno chitarra classica e Pierluigi Balducci basso acustico. Musiche di Mirabassi, Balducci, di Modugno, Metheny, Mancini.

Parole chiave: Pordenone (447), Teatro Verdi (12), Jazz (7)
Pordenone: il 16 al Verdi teatro Jazz con Gli amori sospesi

Secondo appuntamento per la rassegna TGVP Open Jazz: giovedì 16 luglio (ore 21) arriva nella Sala Grande del Teatro Comunale di Pordenone "Amori sospesi", progetto di Gabriele Mirabassi clarinetto, Nando di Modugno chitarra classica e Pierluigi Balducci basso acustico. Musiche di Mirabassi, Balducci, di Modugno, Metheny, Mancini.
Gabriele Mirabassi è considerato uno dei più importanti esponenti europei del suo strumento, il chitarrista Nando Di Modugno è uno dei pochi chitarristi a eccellere sia nella musica classica che nel jazz, e Pierluigi Balducci è bassista tra i più attivi ed apprezzati del jazz italiano.
Un viaggio musicale evocativo e suggestivo dal Mediterraneo all’America del Sud, con echi jazz, del folklore e della tradizione classica, per un trio che fonde spiccata componente melodica e un forte legame con l’identità italiana e mediterranea.
"Amori sospesi" è un progetto magico, dove la musica diventa crocevia di popoli e culture, terra di accoglienza ante litteram, vero e proprio luogo dell’anima: va dritta al cuore e si spinge fino al bordo, al confine del mondo, oltre il quale può esserci il nulla, ma forse anche un futuro migliore. Una serata di forte attualità emotiva e culturale.

Pordenone: il 16 al Verdi teatro Jazz con Gli amori sospesi
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento