Pordenone
stampa

Serata horror giovedì al FMK

Giovedì 27 luglio l’arena UAU di via Brusafiera ospita la seconda serata dell’International Short Film Festival, a mezzanotte la proiezione di Profondo rosso di Dario Argento a 48 anni dalla sua uscita. La giornata si apre domani mattina alle 11 con un convegno su cinema e intelligenza artificiale a Palazzo Badini

Parole chiave: horror (1), Dario Argento (1), Profondo rosso (1), cinema (142), FMK (2), Cinemazero (93), Intelligenza Artificiale (8)
Serata horror giovedì al FMK

Il genere horror è protagonista giovedì 27 luglio a FMK, il festival internazionale del cortometraggio di Cinemazero. A partire dalle 21:30, ai Giardini “Francesca Trombino” di via Brusafiera a Pordenone (in caso di pioggia a Cinemazero), il programma, a ingresso libero, prevede la proiezione di sei film prodotti in diversi paesi: Italia, Iran, Regno Unito e Stati Uniti. In apertura "Reginetta" di Federico Russotto è ambientato nella Ciociaria degli anni '50, dove una giovane contadina deve sottoporsi a un terribile processo di trasformazione fisica per partecipare alle selezioni di Miss Italia. Interviene il regista. A seguire, Enrico ed Emanuele Motti presentano "Boywhood", la storia di un ragazzo con problemi di dipendenza, che cerca la pace nel contatto con la natura, con la sola compagnia del suo cane. Sarà collegato da remoto l'iraniano Amir Karami, che partecipa al festival con "The Bloody Family", racconto di una donna che da anni vive reclusa in una stanza buia. La serata continua con: "Unreel" di Christopher Ian Smith, un corto disturbante sulla morte del cinema, "The Queue" di Michael Rich, storia di un content moderator che si confronta con l'oscurità dei video che il web gli sottopone, e "Bleep" di Ben S. Hyland, film selezionato dallo Young Club di Cinemazero: una coppia litigiosa è alle prese con un rumore misterioso che li ha svegliati dal sonno.

La serata horror si conclude con la proiezione speciale di “Profondo rosso” (l'unico evento a pagamento del festival, a 3,50 Euro), in Sala Grande a Cinemazero, alle 24. Il film culto di Dario Argento, sulle vicende di uno spietato serial killer che commetterà una serie di terribili omicidi, tutti accompagnati da una canzoncina in sottofondo, interpretata dalla voce di un bambino, torna sul grande schermo in versione restaurata a 48 anni dalla sua prima uscita in sala.

Oltre alle proiezioni serali, FMK propone, alle 11 in Sala Ellero a Palazzo Badini, un convegno per approfondire il rapporto tra cinema e intelligenza artificiale. L'AI, intesa come software ed algoritmi, è utilizzata nel mondo del cinema da molto tempo. Oggi le applicazioni dell’AI in campo cinematografico si sono moltiplicate, e comprendono anche l’ambito della sceneggiatura. Discuteranno di vantaggi e criticità Mateusz Miroslaw Lis, autore con competenze cinematografiche e informatiche, Andrea Gasparin, dottorando al Laboratorio di ricerca operativa dell’Università di Trieste e cofondatore di AI2S (Artificial Intelligence Student Society), associazione che si occupa di promozione e divulgazione dell’Intelligenza Artificiale e Stefano Pellizzari, vicepresidente dell'associazione culturale 49°. Modera Tommaso Fabi, responsabile del Laboratorio Multimediale di Cinemazero.

FMK inoltre propone, alle 10 in Mediateca in Palazzo Badini, un laboratorio dedicato ai più giovani: l'illustratrice Silvia Testino guiderà bambini e adolescenti nella realizzazione di un meraviglioso taccuino di viaggio, con annotazioni, disegni e collage fatti di materiali naturali. Alle 14, in Sala Pasolini a Cinemazero, il regista e sceneggiatore Alessandro Comodin presenta “Gigi la legge”, un film tra fiction e documentario girato a San Michele al Tagliamento. Alle 17:30 in Mediateca si terrà la masterclass dello sceneggiatore Milo Tissone, nella giuria del festival quest'anno. Al centro la scelta del tema per le storie che si vogliono raccontare, motore di ogni narrazione.

L'iscrizione ai laboratori, alle proiezioni delle 14 e alle masterclass è gratuita scrivendo a: didattica@cinemazero.it.

FMK dà spazio come sempre anche alla musica: alle 19:30 presso l'Urban farmhouse è la volta del progetto tutto pordenonese Sunmei, ispirato all’indie-folk del Midwest americano e temperato nelle acque scure dello shoegaze.

Tutto il programma: https://fmk-festival.it/

Fonte: Comunicato stampa
Serata horror giovedì al FMK
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento