Pordenone
stampa

“In…comunicabilità” con la compagnia delle “Ragazze del Primo Novecento +1”

Andrà in scena giovedì primo giugno alle 18 nel centro culturale di Palazzo Gregoris il nuovo spettacolo nato all’interno dei laboratori i invecchiamento attivo della Storica Società Operaia di Pordenone

Parole chiave: invecchiamento attivo (1), Storica Somsi (4), anziani (20), Pordenone (804)
“In…comunicabilità” con la compagnia delle “Ragazze del Primo Novecento +1”

Secondo appuntamento che vede protagonista il gruppo delle Ragazze del Primo Novecento + 1 partecipanti ai laboratori di invecchiamento attivo del “Punto ascolto anziani”, che la Somsi promuove in sinergia con l’Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Pordenone, con il sostegno della Regione e in collaborazione con Aifa e Auser.

Giovedì 1° giugno alle 18 nel Centro Culturale di Palazzo Gregoris, la compagnia teatrale “Le Varie...etè” porteranno in scena “In...comunicabilità”, uno spettacolo sulla tematica dell’uso improprio dei media e dei mezzi di comunicazione, che conduce inevitabilmente all’isolamento e alla crescente disgregazione dei rapporti umani. Siparietti di cordiali realtà “familiari” saranno oggetto di confronto fra una “voce della coscienza” e il lato oscuro della tecnologia informatica.

Nato nel 2017 da un’idea dei compianti Eligio Grizzo (assessore comunale alle politiche sociali) e Rosa Saccotelli (presidente dell’Operaia), il progetto incoraggia gli anziani a condividere momenti di socialità basati su percorsi guidati di canto, scrittura, poesia, lettura, informatica, sicurezza, e altre materie di loro interesse, che facilmente possono essere affrontate nello spirito di una formazione attiva lungo tutto il corso della vita, con evidenti benefici di tipo psicologico e cognitivo. Il pubblico ha già potuto apprezzare i risultati di questo percorso in due spettacoli teatrali (dall’evocativo titolo “Mi gò Talent”) e in una pubblicazione di ricordi e racconti, “Pane secco”, edita dalla Somsi nel 2018, con il coordinamento dei tutor Maria Grazia Di Donato e Enzo Samaritani. L’isolamento imposto dalla pandemia è stato duro da superare, anche se, grazie ancora al Comune di Pordenone, le Signore hanno potuto tenersi in contatto in video attraverso una dotazione di tablet destinati a far proseguire il progetto anche da remoto.

Ora finalmente il gruppo è tornato in presenza, e si apre anzi a nuove partecipazioni, a tutti i “giovanissimi over 70” che volessero fare insieme questa esperienza. Dopo la presentazione del Calendario avvenuta in dicembre e la partecipazione allo spettacolo “Il Piccolo Principe” nell'ambito del progetto “All’Opera, ragazzi!”, è la volta del laboratorio teatrale, gestito dai “tutor” Maria Grazia Di Donato e Enzo Samaritani, ultimamente coadiuvati dalla volontaria Donatella Cuccaro.

Prima di ogni chiusura estiva del corso, la compagnia teatrale “Le Varie Etè” si cimenta in una performance, che riscuote numerosi e calorosi consensi.

Fonte: Redazione Online
“In…comunicabilità” con la compagnia delle “Ragazze del Primo Novecento +1”
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento