Cultura e Spettacoli
stampa

Spilimbergo: programma de Le giornate della luce 8 e 9 giugno

il 9 da remoto interviene Isabella Rossellini; l'8 da Nova Goriza Walter Veltroni

Parole chiave: Giornate della luce (4), Rossellini (1), Veltroni (1), Spilimbergo (48)
Spilimbergo: programma de Le giornate della luce 8 e 9 giugno

Giovedì 8 giugno, grandi ospiti e tre sedi per Le Giornate della Luce – il festival dedicato agli autori della fotografia nel cinema ideato da Gloria De Antoni e da lei diretto con Donato Guerra – con appuntamenti a Spilimbergo, Gorizia e Salcano a Nova Gorica.  

Si parte da Spilimbergo con tutti gli appuntamenti al Cinema Miotto: alle 10.00 “Per i soldi e per la gloria. Il mestiere del produttore tra una crisi e l’altra”, una conversazione di Luca Pallanch con Jacopo Capanna. Alle 14.30 la Lectio Magistralis del fotografo dei divi del cinema mondiale Riccardo Ghilardi, e alle 15.30 la proiezione del film finalista Brado di Kim Rossi Stuart (candidato il direttore della fotografia Matteo Cocco) e il corto “Il periodo” di Giulia Di Maggio, Ambra Lupini e Sara Maffi. E sempre giovedì 8 giugno, alle 18, la Masterclass di Silvia Zeitlinger e Peter Zeitlinger con in collegamento il grande regista Werner Herzog. Il direttore della fotografia, ma anche regista e sceneggiatore Peter Zeitlinger, è nato a Praga il 6 giugno 1960. A Vienna ha frequentato la Filmakademie e a metà degli anni ’90 ha iniziato il suo sodalizio con Werner Herzog. Zeitlenger si occupa fin dagli esordi anche di regia, e negli ultimi anni ha rafforzato la sua collaborazione con la compagna Silvia Zeitlinger Vas. La giornata a Spilimbergo si conclude alle 21 con il film finalista Ti mangio il cuore (fotografia di Michele D’Attanasio) e il Corto Bad Vibes di Manola Massimo.

 

Appuntamento a Salcano - Nova Gorica (Slovenia) alle 19.00 a Villa de Bartolomei per la presentazione del progetto “Sergio Amidei e il suo legame con la Slovenia”, in collaborazione con il Premio Sergio Amidei e Goriski Muzej. E alle 20.00 al Kinemax di Gorizia, in collaborazione con la 42^ edizione del Premio Sergio Amidei, l’incontro con Walter Veltroni – condotto da Luana De Francisco e Giuseppe Longo – che prenderà il via dal suo romanzo Buonvino tra amore e morte, edito da Marsilio Editori. Un incontro a più voci per ripercorrere attraverso la lente della scrittura e del cinema il lavoro di Veltroni. A seguire la proiezione di Quando di Walter Veltroni: il film, che è una trasposizione del suo omonimo romanzo, è un viaggio nel “come eravamo”.

PROGRAMMA 9 GIUGNO CON ISABELLA ROSELLINI

Si rinnova anche quest'anno la collaborazione di Cinemazero con il festival della fotografia per il cinema Le Giornate della Luce, in corso a Spilimbergo e in altri luoghi del Friuli. Venerdì 9 giugno alle 20:45 sul grande schermo di piazza Maestri del Lavoro a Pordenone ci sarà "Interactions. When cinema looks to nature", un’antologia di dodici cortometraggi, in cui gli autori si interroganosul rapporto tra l’uomo e la natura. A seguire, una conversazione con Isabella Rossellini, che interviene da remoto.

"Interactions" è un'opera collettiva di Faouzi Bensaidi, Clemente Bicocchi, Anne De Carbuccia, Takuma Kuikuro, Oskar Metsavaht, Eric Nazarian, Bettina Oberli, Idrissa Ouedraogo, Yulene Olaizola & Ruben Imaz, Nila Madhab Panda, Janis Rafa, Isabella Rossellini & Andy Byers. Il film risulta un mosaico di corti di vari generi, dalla docufiction all’animazione, dalla commedia al dramma, fino alla fantascienza. Affrontano temi di grande attualità: il cambiamento climatico, la biodiversità, la conservazione della natura, la deforestazione, l’ambiente, la salute. Il progetto è stato sviluppato e prodotto da Adelina von Fürstenberg  per la ong Art for The World .

Il mondo del cinema oggi si occupa sempre di più di ambiente e sostenibilità, ma in realtà il legame con la settima arte è sempre stato molto stretto: alla fine del 1800 troviamo già le prime riprese che denunciavano l’inquinamento prodotto dai pozzi petroliferi, opere del regista russo Alexander Mishon, filmati di circa un minuto ciascuno di macchina fissa su pozzi, fiamme e fumi neri.

La discussione ecologica si amplia soprattutto dagli anni Settanta in poi, con la crisi petrolifera acuitasi in quegli anni: film rappresentativo fu “2022: i sopravvissuti” di Richard Fleischer, una storia di fantascienza che mostra una terra devastata dall’inquinamento e dalla sovrappopolazione. Negli ultimi decenni c’è stato un susseguirsi di produzioni cinematografiche, dalla fantascienza ai documentari, che hanno trattato egregiamente questo tema: tra le ultime, il film collettivo “Interactions”. Il cinema vuole fare la sua parte nel dialogo su catastrofi naturali, cambiamenti climatici e danni causati dall’uomo.

 

 

Spilimbergo: programma de Le giornate della luce 8 e 9 giugno
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento