Cultura e Spettacoli
stampa

Sergio Bernal al Verdi

Il ballerino madrileno che ha unito il flamenco alla classica, star internazionale della danza, sarà al Teatro Verdi di Pordenone sabato 15 aprile alle 20.30

Parole chiave: flamenco (2), Sergio Bernal (1), Pordenone (812), danza (3), Teatro Verdi (51)
Sergio Bernal al Verdi

I riflettori del Teatro Verdi di Pordenone si accendono sabato 15 aprile (inizio 20.30) su Sergio Bernal, giovane e già affermato danzatore madrileno che ha saputo fondere la passione per il flamenco con la tecnica e l’eleganza della danza classica. Classe 1990, Bernal – miglior ballerino internazionale 2022 per “Danza&Danza magazine” - è considerato il più importante e famoso ballerino spagnolo del momento, amatissimo a livello internazionale e in Italia. “A night with Sergio Bernal” è uno spettacolo affascinante, ispirato alla cultura iberica e allo spirito gitano tra vertiginosi assoli e raffinate figure d’insieme. Le coreografie originali sulle note di Ricardo Cue, Alberto Iglesias – autore delle colonne sonore di Pedro Almodovar, tra tutte Hable con ella – e Saint-Saëns sono arricchite da un’inedita versione del Bolero di Ravel e il celebre Zapateado creato da Antonio Ruiz Soler sulla musica di Pablo de Sarasate per un visionario racconto per quadri in cui si fondono la tradizione spagnola, l’eleganza della danza classica e il fuoco e la passione del flamenco, espressione e simbolo della cultura gitana.

A Night with Sergio Bernal è uno spettacolo che sprigiona quello che Federico Garcia Lorca chiamò “duende”, un fascino ammaliatore talvolta venato di tristezza e inquietudine, dettato non soltanto dalla straordinarietà dei suoi protagonisti, ma da una coreografia che combina la danza tradizionale spagnola, con i suoi ritmi di bolero e flamenco e suoni ardenti della “jota” e “sevillana”, con un repertorio neoclassico in cui virtuosismo e liricità raggiungono livelli vertiginosi.

Nato nel 1990 a Madrid, dove vive, Sergio Bernal incontra la danza da bambino, quando la madre iscrive lui e il fratello gemello a un corso di sevillana, danza tipica andalusa. Nel 2002 entra al Real Conservatorio de Danza de Madrid dove si diploma, in seguito, con il massimo dei voti. La sua carriera professionale inizia con la compagnia Rafael Aguilar di cui diventa primo ballerino. Da allora collabora con grandi artisti ed entra nella Taller Escuela del Ballet Nacional de España. Nel 2009 fa parte della compagnia Carlos Saura, in tournée internazionale con il Flamenco Hoy. Nel 2012 entra nel Ballet Nacional de España come solista, diventando primo ballerino nel 2016. Viaggia in tutto il mondo danzando nei più prestigiosi teatri e gala internazionali con stelle del calibro di Plisétskaya, Rojo, Somova, Obraztsova, Nuñez e Polunin… Ha vinto la Maratón de Danza de Madrid e ha diretto la serata di danza One day and three glances, oltre ad essere regolarmente ospite di gala internazionali di danza. Il suo tratto distintivo è quello di essere un danzatore versatile con un altissimo e pari livello di flamenco e balletto. Non capita spesso di vedere un artista esibirsi in questi stili e non riuscire a stabilire in quale dei due sia migliore perché di fatto è eccellente in entrambi.

Il Caffè Licinio del Teatro sarà aperto un’ora prima dell’inizio dello spettacolo per un aperitivo con buffet. Per prenotazioni rivolgersi alla biglietteria. Info e biglietti: www.teatroverdipordenone.it ; biglietteria@teatroverdipordenone.it Tel 0434 247624

Fonte: Comunicato stampa
Sergio Bernal al Verdi
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento