Cultura e Spettacoli
stampa

Cinemazero e Visionario: gli incassi del film Po all’Emilia Romagna

L’iniziativa dei due cinema d’essai friulani: da domani 1° giugno fino a mercoledì 7 sarà proposto “Po” il film di Segre e Stella sull’esondazione del fiume nel ’51. Il ricavato delle proiezioni sarà devoluto alle comunità colpite dalla recente alluvione

Parole chiave: Alluvione Emilia Romagna (1), Po (1131), Cinemazero (93), Visionario (9), Andrea Segre (5), Gian Antonio Stella (1)
Cinemazero e Visionario: gli incassi del film Po all’Emilia Romagna

La memoria dell’esondazione del fiume Po nel ’51 e l’aiuto concreto alla popolazione emiliano-romagnola colpita dall’alluvione oggi: da giovedì 1° giugno a mercoledì 7, a Cinemazero di Pordenone e al Visionario di Udine, la proiezione del documentario “PO” di Andrea Segre e Gian Antonio Stella è dedicata a chi in questi giorni ha perso tutto e deve trovare il modo di ripartire. Andare al cinema, a vedere un film che racconta una tragedia del passato, ancora drammaticamente presente nella memoria di chi l’ha vissuta, diventa quindi un piccolo grande gesto di solidarietà, che ciascuno può compiere. Il ricavato delle proiezioni in programma a Pordenone e Udine, infatti, verrà devoluto alle comunità emiliano-romagnole attraverso il conto corrente attivato dalla Regione Emilia-Romagna, intestato all’Agenzia per la sicurezza territoriale e la protezione civile.

“PO” è stato presentato in anteprima alla XV edizione del Pordenone Docs Fest – Le Voci del Documentario un anno fa. Prodotto da Luce Cinecittà e distribuito da ZaLab, con il supporto proprio del festival di Cinemazero dedicato al documentario, il film nasceva dalla voglia degli autori, Andrea Segre e Gian Antonio Stella, di colmare un vuoto, riportando a galla la memoria dell’esondazione del Po e della terribile alluvione in Polesine, oltre settant’anni fa.

Il film parte da materiali cinematografici di rara bellezza: le pellicole perfettamente conservate negli Archivi dell’Istituto Luce, alternate alle interviste ai bambini polesani di allora, oggi ottantenni. Il 14 novembre 1951 l’argine sinistro del Po a poche centinaia di metri dal ponte della ferrovia Padova-Bologna si spacca. La marea invade in pochi minuti le terre del Polesine, una delle regioni all’epoca più povere, più misere di tutta Italia. Migliaia di uomini, donne e bambini scappano, mentre l’acqua rimane stagnante per mesi tra le case e le campagne. Quelle immagini, oggi, non possono non richiamare l’alluvione che ha messo in ginocchio l’Emilia-Romagna proprio in questi giorni. 

«Ciò che ci ha colpiti viaggiando negli archivi e nelle case dei nostri protagonisti è quanto il ricordo sia ancora vivo, come quella alluvione rappresenti in realtà una memoria incancellabile, un passaggio di vita e di storia del Paese da cui è difficile prescindere, lo si può nascondere, ma è davvero sbagliato dimenticarlo», commentano Segre e Stella. «Ascoltando i ricordi dei vecchi bambini polesani e guardando le immagini degli archivi abbiamo vissuto un salto temporale che ha reso questi settant'anni così vicini, tangibili, presenti».

Memorie ancor più toccanti e vicine, ora, alla luce di quanto stanno vivendo le persone nelle terre alluvionate dell’Emilia-Romagna.

Per maggiori informazioni sulla programmazione e per l’acquisto dei biglietti consultare i siti www.visionario.movie e www.cinemazero.it.

Fonte: Comunicato stampa
Cinemazero e Visionario: gli incassi del film Po all’Emilia Romagna
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento